Resistenza antimicrobica: si ricorre troppo spesso all’uso di antibiotici

Gli antibiotici hanno trasformato il lavoro dei medici e salvato milioni di vite. Tuttavia, stiamo avanzando velocemente verso un’era post-antibiotica in cui le infezioni comuni e le ferite minori potrebbero tornare a uccidere. Per prevenire la diffusione di batteri resistenti agli antimicrobici, è necessaria una riduzione significativa dell’uso di antibiotici nella cura delle ferite. 1

Immagine che mostra il seguente testo: il 30% degli antibiotici prescritti in ambulatorio non è necessario

Almeno il 30% degli antibiotici prescritti in ambulatorio non è necessario [2]

L’abuso di antibiotici in casi non necessari ha portato all’aumento della resistenza antimicrobica (AMR), con i seguenti risultati attuali e prevedibili:

  • Attualmente, 700.000 pazienti muoiono ogni anno a causa dell’AMR e questa è una delle maggiori minacce per la salute mondiale.3,4
  • Entro il 2050, si prevede che l’AMR provocherà 10 milioni di decessi a livello mondiale.5
Immagine di una gamba con una ferita infetta.

Rispondere alla resistenza antimicrobica (AMR) con la gestione antimicrobica (AMS)

Le infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici sono più difficili da trattare e comportano costi medici più elevati, degenze ospedaliere prolungate e un aumento della mortalità. Controllando i microbi, è possibile prevenire le infezioni e quindi ridurre la necessità di antibiotici.6

Le iniziative dell’AMS per educare gli operatori sanitari e controllare la prescrizione e la destinazione degli antibiotici possono ridurre la probabilità di AMR. Per essere veramente efficaci, le azioni devono essere intraprese a tutti i livelli della cura delle ferite, dalle cliniche specializzate all’assistenza domiciliare.

Immagine di una medicazione Cutimed® Sorbact®.

Le medicazioni con tecnologia Sorbact® costituiscono una parte preziosa della strategia AMS

Basandosi su processi naturali e interazioni fisiche, Cutimed® Sorbact® rimuove i batteri, legandoli irreversibilmente alla sua superficie per ridurre il carico biologico e favorire la guarigione della ferita. Grazie a questa modalità d’azione, le medicazioni con tecnologia Sorbact possono ridurre l’uso di antibiotici e contribuire alla gestione e alla prevenzione delle infezioni delle ferite.7

Riferimenti bibliografici

  1. Lipsky BA et al. Antimicrobial stewardship in wound care: a Position Paper from the British Society for Antimicrobial Chemotherapy and European Wound Management Association. J Antimicrob Chemother. 2016;71:3026-3035. Leggi di più
  2. Fleming-Dutra K et al. Prevalence of Inappropriate Antibiotic Prescriptions Among US Ambulatory Care Visits, 2010-2011. JAMA. 2016;315:1864-1873. Leggi di più
  3. Stop antimicrobial resistance now. World Health Organization. 2016; consultato l’8 dicembre 2022. Leggi di più
  4. Antibiotic resistance. World Health Organization. 2020; consultato l’8 dicembre 2022. Leggi di più
  5. O’Neill J. Tackling drug-resistant infections globally: Final report and recommendations. Review on Antimicrobial Resistance. 2016. Leggi di più
  6. Swanson T, et al. Wound infection in clinical practice. Wounds Int. 2016. Leggi di più
  7. Chadwick P & Ousey K. Bacterial-binding dressings in the management of wound healing and infection prevention: a narrative review. J Wound Care. 2019;28:370-382. Leggi di più